«I vescovi gettano acqua fredda sull’inaugurazione più cattolica della storia»

Vi propongo una mia traduzione di un articolo di Michael Sean Winters, pubblicato il 21 gennaio sul National Catholic Reporter. Si tratta di uno dei più noti giornalisti cattolici americani, il cui giudizio su Biden e su l’episcopato americano condivido pienamente. Il titolo originale è “Bishops throw cold water on the most Catholic inauguration in history”, ovvero “I vescovi gettano acqua fredda sull’inaugurazione più cattolica della storia”.

Michael Sean Winters è un giornalista e scrittore americano che si occupa di politica ed eventi nella Chiesa cattolica romana per il National Catholic Reporter, dove si trova il suo blog “Distinctly Catholic”. È autore di: “Left At the Altar: How Democrats Lost The Catholics And How Catholics Can Save The Democrats”, Basic Books ( 2008) “God’s Right Hand: How Jerry Falwell Made God a Republican and Baptized the American Right”, Harper Collins (2012)

 

National Catholic Reporter Jan 21, 2021

Bishops throw cold water on the most Catholic inauguration in history

I vescovi gettano acqua fredda sull’inaugurazione più cattolica della storia

 

Mercoledì 20 gennaio è stata una giornata molto cattolica. È iniziata con il presidente eletto che ha portato la leadership politica della nazione alla messa. Joe Biden è entrato nella mia vecchia parrocchia, la Cattedrale di San Matteo Apostolo, seguito dal vicepresidente eletto, dal presidente della Camera e dai leader di maggioranza e minoranza di entrambe le camere del Congresso. Dopo quattro anni di un presidente incapace di non darsi una pacca sulla spalla in ogni momento pubblico, è stato un cambiamento positivo vedere un presidente che non ha paura di andare a messa nella quale iniziamo chiedendo scusa e finiamo ricevendo il dono di grazia eucaristica.

La notte prima, il signor Biden ha guidato il paese in un breve ma toccante rituale di ricordo per le persone uccise dal virus COVID-19. Il cardinale di Washington Wilton Gregory, il nuovo pastore di Biden, ha offerto una bellissima preghiera per iniziare la cerimonia. Ha pregato, in parte: “Affidiamo, con un cuore solo, coloro che sono morti a causa di questo virus e tutti i loro cari alla cura provvidenziale di Colui che è la fonte ultima di pace, unità e concordia”.

Dopo quello che il Paese ha visto nelle scorse settimane, è confortante ricordare che Dio offre “pace, unità e concordia”. La cerimonia inaugurale ufficiale è iniziata con una preghiera del gesuita p. Leo Donovan. Non iniziò, come fece il cardinale Richard Cushing 60 anni fa, e come i cattolici normalmente iniziano le loro preghiere, con il segno della croce e le parole: “Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo . “ (Cushing usò effettivamente le parole “Holy Ghost”.) Ma, sopra la spalla destra di Donovan, si poteva comunque vedere Biden fare il segno della croce. Successivamente, quando Biden ha concluso un momento di silenzio per coloro che sono morti a causa del COVID-19, si è potuto vedere un membro della Guardia Nazionale farsi il segno della croce.

Prestato giuramento, il nuovo presidente ha pronunciato un discorso forte sui temi che si trovano in ogni pagina della dottrina sociale cattolica: la dignità della persona umana, l’incarico di servire il bene comune come prima giustificazione del governo, il valore della democrazia nella protezione della dignità umana, sia nel richiedere che nell’evidenziare l’uguaglianza, la virtù della solidarietà. Com’è diverso dal discorso inaugurale distopico che abbiamo sentito quattro anni fa, per non parlare del discorso che ha incitato la folla a prendere d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti due settimane prima.

E Biden ha citato Sant’Agostino!

L’intera giornata è stata molto cattolica, forte nel simbolismo e nel rituale, molto è cambiato dalle solite norme inaugurali a causa del COVID-19 e perché il presidente uscente ha deciso di lanciare un sibilo e saltare la cerimonia, il tutto parlando di valori più pronunciati nel pensiero cattolico che nel liberalismo classico dei padri fondatori.

Tuttavia, mi ha ricordato quanto Biden sia diverso da molti liberali, cattolici e non, che non fanno altro che deridere l’America e denunciare i suoi peccati. Biden riconosce quei peccati, certo, ma sa che in America c’è di più. “La nostra storia è stata una lotta costante tra l’ideale americano che siamo tutti creati uguali e la dura, brutta realtà che il razzismo, il nativismo, la paura e la demonizzazione ci hanno a lungo separati”, ha detto il nuovo presidente. “La battaglia è perenne. La vittoria non è mai assicurata. Attraverso la guerra civile, la Grande Depressione, la guerra mondiale, l’11 settembre, attraverso la lotta, il sacrificio e le battute d’arresto, i nostri angeli migliori hanno sempre prevalso”. Poi, in una frase che suonava come qualcosa che avrebbe detto Papa Francesco, Biden ha aggiunto: “In ognuno di questi momenti, abbastanza di noi, abbastanza di noi, si sono uniti per portare avanti tutti noi”.

Apparentemente, la leadership della conferenza episcopale americana, prima ancora di aver ascoltato il discorso, ha scelto di spaziare tra coloro che non volevano “unirsi per portare avanti tutti noi”. L’arcivescovo di Los Angeles José Gomez, presidente della conferenza, ha rilasciato una dichiarazione scortese. Ha riconosciuto che ci sarebbero state aree in cui i vescovi avrebbero potuto lavorare con la nuova amministrazione, ma ha anche avvertito che Biden si era “impegnato a perseguire determinate politiche che avrebbero fatto avanzare i mali morali e minacciato la vita e la dignità umana, soprattutto nelle aree dell’aborto, della contraccezione, del matrimonio. e sesso “. Gomez ha aggiunto: “Di profonda preoccupazione è la libertà della Chiesa e la libertà dei credenti di vivere secondo la loro coscienza”.

I giorni dell’inaugurazione non sono un momento per le dichiarazioni “d’altro canto”.

L’affermazione conteneva due grandi grasse bugie. Gomez ha dichiarato: “Non vedo l’ora di lavorare con il presidente Biden, la sua amministrazione e il nuovo Congresso”. Mi scusi, ma questa affermazione non ha lo scopo di costruire un rapporto con la nuova amministrazione. È stato progettato per sabotarlo. A questo proposito, come mi ha spiegato ieri sera un vescovo, la dichiarazione è un attacco a Francesco che ha chiarito che in realtà desidera lavorare con la nuova amministrazione. La menzogna peggiore è arrivata quando Gomez ha detto: “I vescovi cattolici non sono attori di parte nella politica della nostra nazione. Siamo pastori responsabili delle anime di milioni di americani e siamo sostenitori dei bisogni di tutti i nostri vicini”. Per essere chiari, l’affermazione era politica, non pastorale e, inoltre, Biden ha un pastore e si chiama il cardinale Wilton Gregory. L’altro suo pastore è il vescovo Francis Malooly di Wilmington, Delaware. La conferenza non ha alcuna autorità pastorale canonica su Biden. Il nascondersi di Gomez dietro quella facciata è un tentativo di apparire apolitico, e non è convincente. Impossibile non rilevare l’influenza dell’arcivescovo Charles Chaput, il Viganò americano, nella dichiarazione di Gomez. A novembre, Chaput ha attaccato Gregory sulla questione di negare la Comunione a Biden. Anche lui cerca di nascondere i suoi attacchi partigiani dietro il velo della sollecitudine pastorale. Anche lui ha trascurato le grossolane depredazioni di Donald Trump e circa il 90% della dottrina sociale della chiesa, perché l’ex presidente era d’accordo con i vescovi sull’aborto. Nella migliore delle ipotesi, l’affermazione era stonata.

Risulta che anche alcuni vescovi hanno trovato la dichiarazione stonata. In un raro allontanamento da un fronte episcopale unito, il cardinale Blase Cupich di Chicago ha rilasciato una sua dichiarazione:

Oggi, la Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti ha rilasciato una dichiarazione sconsiderata nel giorno dell’inaugurazione del presidente Biden. A parte il fatto che apparentemente non ci sono precedenti per farlo, la dichiarazione, critica del presidente Biden, è stata una sorpresa per molti vescovi, che l’hanno ricevuta poche ore prima che fosse rilasciata.

Quelle parole confliggono. Cupich ha anche detto che la dichiarazione non è stata discussa dal comitato amministrativo della conferenza, che sarebbe il “corso normale per dichiarazioni che rappresentano e godono del ponderato sostegno dei vescovi americani”. Sono certo che la dirigenza della conferenza episcopale tratterebbe in modo meschino qualsiasi democratico. Ma penso che ciò che li rende davvero pazzi sia il fatto che si rendono conto, a un livello inconscio profondo, che Biden ha fatto di più in 24 ore per ricordare al popolo americano che la Chiesa cattolica può essere una forza per il bene nel nostro paese rispetto a ciò che la conferenza episcopale ha fatto in 10 anni. Il suo servizio funebre per le vittime del COVID-19 è stato più pastorale della loro ripugnante dichiarazione. Il discorso inaugurale di Biden è stato una migliore articolazione delle idee cattoliche sulla governance rispetto a qualsiasi documento recente della conferenza. Ha citato Agostino per aiutare a unire il nostro paese brutalmente diviso. Si rivolgono a citazioni che esacerbano il divario. Biden si è lasciato arricchire dalla fede degli altri, cattolici e non. Gomez sembra bloccato nel suo playbook dell’Opus Dei.

Desidero concludere le mie riflessioni sull’inaugurazione con un grido a tre attori non protagonisti del dramma del giorno, uno cattolico, uno nuovo protagonista e l’altro un nuovo eroe americano. Se i vescovi avessero aspettato di rilasciare la loro dichiarazione offensiva, avrebbero potuto mitigare la loro cattiveria con l’esempio di questi tre americani.

Lady Gaga, che è cattolica, ha cantato l’inno nazionale e l’ha gridato fuori dal parco. Quando è arrivata alle parole “la nostra bandiera era ancora lì”, si è voltata e ha guardato la bandiera in cima al Campidoglio degli Stati Uniti. Due settimane prima, gli insurrezionalisti avevano preso d’assalto il punto stesso in cui Lady Gaga cantava. Una delle battaglie più accese tra la folla e la polizia del Campidoglio degli Stati Uniti si è verificata nella porta ad arco attraverso la quale gli ospiti dell’inaugurazione si sono diretti ai loro posti. La folla aveva voluto abbattere la democrazia quando hanno preso d’assalto il Campidoglio. L’ultima volta era stato preso d’assalto dalle truppe britanniche il cui attacco a Baltimora aveva ispirato la stesura del nostro inno nazionale. Eppure la bandiera era ancora lì. È stato un momento potente, un momento di redenzione.

Amanda Gorman, una National Youth Poet Laureate, ha consegnato una poesia che è stata sbalorditiva nella sua energia e bellezza. L’equilibrio di una persona così giovane non avrebbe potuto contrastare in modo più netto con le immagini dei rozzi e grossolani sostenitori di Trump che avevano contaminato il Campidoglio durante l’insurrezione. Le sue parole parlavano di guarigione e, come un sacramento, hanno effettuato ciò che significavano. Gorman è una star e la sua performance all’inaugurazione sarà ricordata per molti anni quando i suoi futuri sforzi artistici cattureranno di nuovo i nostri cuori. Potrebbe non essere cattolica, ma ora la considero una cattolica onoraria.*

All’inizio della cerimonia, la vicepresidente Harris era stato scortata da Eugene Goodman, l’ufficiale di polizia del Campidoglio il cui rapido pensiero ha portato la folla lontano dalla camera del Senato il 6 gennaio. Ora sappiamo che la folla era a pochi metri e pochi secondi dal vicepresidente Mike Pence e dalla sua famiglia. Stavano cantando la loro intenzione di impiccarlo. La presenza di questo nuovo eroe all’inaugurazione aveva anche una qualità redentrice. Milioni di americani mercoledì hanno avuto la sensazione di una grande liberazione, della chiusura di un brutto capitolo della storia americana, del felice voltare pagina. Gaga, Gorman e Goodman hanno contribuito a bonificare l’edificio che era, due settimane fa, una scena del crimine. Ma Biden era l’uomo del momento e la sua fede cattolica era evidente nel modo in cui si è alzato per affrontare il momento. I vescovi potrebbero non averlo capito. Possono andare a martellare la sabbia. La maggior parte di noi è profondamente grata che quest’uomo buono e onesto sia ora il nostro presidente.

 

* Nota dell’editore: dopo la pubblicazione di questo articolo, NCR ha appreso che la Gorman è cattolica ed è un membro della chiesa di St. Brigid a Los Angeles.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.