Dedicato a don Giussani il nuovo libro di Massimo Borghesi

borghesi giussaniÈ dedicata al fondatore di Comunione e Liberazione don Luigi Giussani l’ultima fatica editoriale di Massimo Borghesi. Come testimonia il nostro sito internet, il filosofo di Sansepolcro negli ultimi tempi ha dedicato vari interventi ed articoli al sacerdote di Desio. Già nel 2009 peraltro aveva curato per Rizzoli, con una sostanziosa introduzione, una riedizione delle due opere parallele di Giovanni Battista Montini e di don Luigi Giussani dedicate al senso religioso. Ma è la prima volta che Borghesi prende “di petto” la figura di Giussani, considerata nella sua integralità.

Massimo Borghesi, Luigi Giussani, Edizioni di Pagina, Bari, 2015. Disponibile anche come ebook

 

La riflessione di Luigi Giussani (1922-2005) appare un contributo di grande rilievo in seno al pensiero cattolico contemporaneo. La lezione tomista, assimilata nel Seminario teologico di Venegono, viene ripensata dall’autore in chiave esistenziale alla luce di un’esperienza educativa unica, senza analogie nell’Italia del ’900. Il risultato è, da un lato, la nozione di «senso religioso», per la quale la verità deve, modernamente, passare attraverso la libertà, e dall’altro, quella di «incontro» come modalità fondamentale con cui l’Essere si manifesta. Al centro vi è la categoria originale di «esperienza», verifica della corrispondenza tra l’io, nelle sue esigenze naturali fondamentali, e la realtà. Giussani delinea, in tal modo, un percorso che va al di là della tradizionale opposizione tra agostinismo e neotomismo e, nella Chiesa post-conciliare, tra modernisti e tradizionalisti. Il fine è quello di pervenire a Dio come un “Tu” «esistente» in Gesù Cristo, incontrato “fattualmente” nella storia. Lo può fare perché la nozione di “conoscenza amorosa”, nella relazione io-tu, consente di pensare l’esperienza del vero in direzione di un pensiero “immaginativo”, concreto. Il volume mette a fuoco nodi e momenti essenziali del pensiero giussaniano ponendolo a confronto sia con i suoi critici (Benvenuto, Barcellona, Severino, de Mattei) che con la questione dell’integrismo, cruciale per delineare il rapporto tra cristianesimo e libertà moderne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *